Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Scaricare
l'accesso più veloce di browser!
 

'Abd al-Ilah al-Bashir

L'alto ufficiale proviene dalla grande tribù araba degli al-Nuʿaym, diffusa in tutto il Vicino Oriente, soprattutto nei villaggi del Golan e nella campagna di Quneitra.

12 relazioni: Arabi, Ayatollah, Capo di stato maggiore, Esercito siriano libero, Guerra civile siriana, Mojahedin del Popolo Iraniano, Quneitra, Stati Uniti d'America, Tribù, Unione europea, Velayat-e faqih, Vicino Oriente.

Arabi

Gli arabi sono il gruppo etnico di madrelingua araba originaria della penisola arabica, che, col sorgere dell'Islam, ha guadagnato a partire dal VII secolo grande rilevanza nella scena storica mondiale.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Arabi · Mostra di più »

Ayatollah

Āyatollāh è un titolo di grado elevato che viene concesso agli esponenti più importanti del clero sciita, talvolta al più autorevole, e ai mujtahidin, la casta dei dotti musulmani.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Ayatollah · Mostra di più »

Capo di stato maggiore

Il capo di stato maggiore è, in ambito militare, l'incarico riservato all'ufficiale posto a capo dello stato maggiore, organizzazione di vertice cui è affidato il compito di tradurre in pratica le decisioni del Comandante, redigendo gli ordini e verificando che le operazioni si sviluppino come pianificato.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Capo di stato maggiore · Mostra di più »

Esercito siriano libero

L'Esercito Siriano Libero, ESL (in) FSA in Inglese, è una forza armata che combatte contro le forze armate siriane e il governo di Baššār al-Asad.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Esercito siriano libero · Mostra di più »

Guerra civile siriana

La guerra civile siriana o crisi siriana è una guerra civile scoppiata in Siria nel 2011 tra le forze governative e quelle dell'opposizione, e che viene inserita nel contesto più ampio della primavera araba. Il conflitto è iniziato il 15 marzo 2011 con le prime dimostrazioni pubbliche, si è sviluppato in rivolte su scala nazionale, per poi divenire guerra civile nel 2012 ed è ancora in corso. Le iniziali proteste hanno l'obiettivo di spingere alle dimissioni il presidente Baššār al-Asad ed eliminare la struttura istituzionale monopartitica del Partito Ba'th. Col radicalizzarsi degli scontri si aggiunge con sempre maggiore forza una componente estremista di stampo salafita che, anche grazie agli aiuti di alcune nazioni sunnite del Golfo Persico, si pensa possa aver raggiunto il 75% della totalità dei combattenti. Tali gruppi fondamentalisti hanno come principale obiettivo l'instaurazione della Shari'a in Siria. A causa della posizione strategica della Siria, i suoi legami internazionali e del perdurare della guerra civile, la crisi ha coinvolto i paesi confinanti e l'intera comunità internazionale. Gli organi dirigenti del Partito Ba'th e lo stesso presidente appartengono alla comunità religiosa alawita, una branca dello sciismo che è tuttavia minoritaria in Siria. Per questo motivo, le nazioni a maggioranza sciita sono intervenute a protezione del governo siriano. Sia l'Iran che l'Iraq cercano di mantenere un governo alleato che permette di creare una macroregione che arrivi fino al Libano. Sia combattenti iracheni che iraniani sono presenti a fianco dell'esercito regolare. Il fronte dei ribelli è invece stato sostenuto dalla Turchia e soprattutto dai Paesi sunniti del Golfo, in particolare Arabia Saudita e Qatar che mirano a contrastare la presenza sciita in Medio Oriente. In ambito ONU si è verificata una profonda spaccatura tra Stati Uniti, Francia e Regno Unito che hanno espresso sostegno ai ribelli e Cina e Russia che invece sostengono il governo siriano sia in ambito diplomatico che militare. La delicata composizione etnica siriana si è fortemente riflessa negli schieramenti in campo. Sebbene le prime manifestazioni antigovernative avessero uno spirito "laico" e avessero coinvolto tutte le principali città del paese, incluse quelle a maggioranza alawita (come Latakia), il perdurare della crisi ha polarizzato gli schieramenti, portando la componente sciita a sostenere il governo insieme a gran parte delle minoranze religiose, che hanno goduto della protezione del governo laico del Partito Ba'th. Il fronte dei ribelli rimane composto prevalentemente da sunniti anche se non costituiscono un blocco compatto. Parte della popolazione sunnita continua a sostenere il governo. Sono sunniti alcuni membri del governo e buona parte dell'esercito, nonché la stessa moglie di Bashar al-Assad. Le stragi perpetrate dalle componenti fondamentaliste dei ribelli nei confronti delle minoranze religiose in Siria hanno portato le Nazioni Unite a definire la guerra civile come un "conflitto di natura settaria". Le organizzazioni internazionali hanno accusato le forze governative e i miliziani Shabiha di usare i civili come scudi umani, di puntare intenzionalmente le armi su di loro, di adottare la tattica della terra bruciata e di eseguire omicidi di massa. I ribelli anti-governativi sono stati accusati di abusi dei diritti umani tra cui torture, sequestri, detenzioni illecite ed esecuzioni di soldati e civili. L'accezione "guerra civile" per descrivere il conflitto in atto è stata usata il 15 luglio 2012 dal Comitato Internazionale della Croce Rossa che ha definito la crisi siriana un conflitto armato non internazionale.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Guerra civile siriana · Mostra di più »

Mojahedin del Popolo Iraniano

Mojahedin del Popolo Iraniano o Esercito di Liberazione Nazionale dell'Iran (spesso indicati con le sigle PMOI, MEK o MKO) o Mojahedin-e Khalq (persiano: سازمان مجاهدين خلق ايران, sāzmān-e mojāhedin-e khalq-e Irān) è la denominazione di un partito politico iraniano, tra i più attivi nell'opposizione al regime teocratico che ha preso il potere in Iran successivamente alla rivoluzione del 1979.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Mojahedin del Popolo Iraniano · Mostra di più »

Quneitra

Quneitra (in, anche conosciuta come Al Qunaytirah, Qunaitira, Qanaytra o Kuneitra) è una città fantasma situata nella Siria meridionale, nel Governatorato di Quneitra, all'interno della fascia di sicurezza ONU che divide Siria e Israele.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Quneitra · Mostra di più »

Stati Uniti d'America

Gli Stati Uniti d'America (in inglese: United States of America o anche solo United States; in sigla USA, o anche solo U.S.), comunemente indicati come Stati Uniti e, impropriamente, con la sineddoche America, sono una repubblica federale composta da cinquanta stati e un distretto federale.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Stati Uniti d'America · Mostra di più »

Tribù

Una tribù, nel campo della antropologia, è una società umana, cioè una unità sociale determinata, in possesso di una relativa omogeneità culturale e linguistica.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Tribù · Mostra di più »

Unione europea

L'Unione europea (abbreviata in UE o Ue, pron.) è un'organizzazione internazionale politica ed economica di carattere sovranazionale, che comprende 28 paesi membri indipendenti e democratici.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Unione europea · Mostra di più »

Velayat-e faqih

Velāyat-e faqih ("tutela del giurisperito") o più precisamente "autorità cognitiva (assoluta) del giurisperito" in persiano, è una dottrina ideata da Khomeini secondo cui il giurista musulmano, in quanto esperto della legge (shari'a) che è emanata direttamente da Dio, della quale egli è interprete autentico nella sua veste di mujtahid, ha il compito di sovrintendere a ogni azione del Parlamento perché si conformi a quella che il giurista (faqih) stesso ritiene essere la corretta interpretazione della shari'a.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Velayat-e faqih · Mostra di più »

Vicino Oriente

Vicino Oriente è un'espressione che propriamente andrebbe usata per indicare la regione geografica oggi per lo più arabofona che si estende dalla sponda orientale del Mar Mediterraneo all'Iran e alla Penisola Arabica.

Nuovo!!: 'Abd al-Ilah al-Bashir e Vicino Oriente · Mostra di più »

Riorienta qui:

Abdel al-Ilah al-Bachir.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »