Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Installa
l'accesso più veloce di browser!
 

Alan Gardiner

Indice Alan Gardiner

Allievo di Gaston Maspero, ha dato importanti contributi nello studio e nella decifrazione dei testi egizi e della scrittura geroglifica.

15 relazioni: Ashmolean Museum, Egyptian Grammar, Gaston Maspero, Geroglifici egizi, Griffith Institute, Howard Carter, Oxford, Papiro dei Re, Papiro Tulli, Storia dell'antico Egitto, Tomba di Tutankhamon, 1927, 1947, 1971, 2006.

Ashmolean Museum

L'Ashmolean Museum of Art and Archaeology (in italiano Museo ashmoleano di arte e archeologia) fa parte del sistema museale dell'Università di Oxford, nella omonima città.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Ashmolean Museum · Mostra di più »

Egyptian Grammar

Egyptian Grammar: Being an Introduction to the Study of Hieroglyphs è una grammatica didattica della lingua egizia scritta da Alan Gardiner e pubblicata per la prima volta nel 1927 (II edizione 1950; III e ultima edizione, tuttora ristampata, 1957) dalla Oxford University Press.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Egyptian Grammar · Mostra di più »

Gaston Maspero

Maspero nacque a Parigi da una famiglia di origine italiana.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Gaston Maspero · Mostra di più »

Geroglifici egizi

I geroglifici egizi sono i segni scolpiti che compongono il sistema di scrittura monumentale utilizzato dagli antichi Egizi, che combina elementi ideografici, sillabici e alfabetici.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Geroglifici egizi · Mostra di più »

Griffith Institute

Il Griffith Institute è un dipartimento dell'Ashmolean Museum, presso l'Università di Oxford, dedicato agli studi di egittologia e alla promozione dell'egittologia come disciplina archeologica.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Griffith Institute · Mostra di più »

Howard Carter

Howard Carter nacque in una famiglia nobile.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Howard Carter · Mostra di più »

Oxford

Oxford (AFI:; in inglese) è una città di 150.200 abitanti (censimento 2011) del Regno Unito, nella contea dell'Oxfordshire in Inghilterra.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Oxford · Mostra di più »

Papiro dei Re

Il Papiro dei Re, conosciuto anche come "Canone regio" o "Lista Reale", oppure "Papiro di Torino", è un documento risalente alla XIX dinastia egizia, probabilmente durante il regno di Ramses II (1290 a.C. – 1224 a.C.), redatto in ieratico, che riporta, oltre a una introduzione sui re divini e semidivini del Periodo predinastico dell'Egitto, l'elenco dei sovrani dall'unificazione dell'Alto e Basso Egitto fino al momento della compilazione, insieme con il numero dei loro anni e, talvolta dei mesi e dei giorni, di regno.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Papiro dei Re · Mostra di più »

Papiro Tulli

Il Papiro Tulli è un documento apocrifo in forma di antico papiro scritto in ieratico rinvenuto nel 1934 in Egitto, che conterrebbe la descrizione di strani avvistamenti di luci e oggetti nel cielo.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Papiro Tulli · Mostra di più »

Storia dell'antico Egitto

La storia dell'antico Egitto (o Storia egizia), ovvero della civiltà dell'Africa settentrionale sviluppatasi lungo le rive del fiume Nilo a partire dalle cateratte, a sud ed al confine con l'attuale Sudan)Le presunte sorgenti del Nilo vennero scoperte solo nel 1937 dall'esploratore tedesco Burkhart Waldecker (1902-1964) nella parte meridionale dell'altopiano del Burundi., alla foce, a delta, nel Mar Mediterraneo, per un'estensione complessiva di circa 1000 km, copre complessivamente circa 4000 anni. L'individuazione di un periodo storico definito e di date concordi, sia pur di comodo, è dibattuta, a maggior ragione là ove si consideri la localizzazione temporale in epoca preistorica dell’inizio, e le molteplici vicissitudini e dominazioni che hanno accompagnato la storia dell’Egitto nella sua parte conclusiva. Secondo alcuni autori le date sono comprese tra il 3900 a.C. (Periodo Predinastico) e il 342 a.C. (Periodo tardo), con la fine della XXX dinastia manetoniana e prima dell’avvento delle dominazioni straniere. Altri autori fanno coincidere la fine della storia dell’Egitto con la morte di Cleopatra (ultima regina della dinastia tolemaica) e l'inizio della dominazione romana; altri ancora la estendono fino al IV-VI secolo d.C. e, segnatamente, all'ultimo testo geroglifico di cui si abbia contezza, il cosiddetto Graffito di Esmet-Akhom risalente al 394, o alla chiusura dell'ultimo tempio "pagano", dedicato a Iside sull'isola di File, a seguito dell'editto di Giustiniano I, nel 550. Varie culture si susseguirono nella valle nilotica fin dal 3900 a.C. in quello che viene definito Periodo Predinastico. Un'entità embrionale di Stato può riconoscersi, invece, a partire dal 3200-3100 a.C. con la I dinastia e l'unificazione delle due macro-aree che resteranno, tuttavia sempre distinte tanto che per tutta la storia del Paese i regnanti annovereranno tra i loro titoli quello di Signore delle Due Terre. Fin dal 3500 a.C., di pari passo con l'avvento dell'agricoltura, in particolare la coltivazione del grano, dell'orzo e del lino, si ha contezza di insediamenti umani specie lungo le rive del Nilo. Le piene annuali del fiume, infatti, favorivano la coltivazione anche con più raccolti annui grazie ai sedimenti, particolarmente fertili (Limo), che il fiume, nel suo ritirarsi, lasciava sul terreno. Ciò comportò, fin dai tempi più remoti, conseguentemente, la necessità di controllare, incanalare e conservare le acque onde garantire il costante approvvigionamento, sia per il sostentamento umano che per quello del bestiame e delle piantagioni. Non è da escludersi, peraltro, che proprio la complessa necessità di dover far fronte alle esigenze connesse con la gestione dell'agricoltura, e segnatamente, delle acque nilotiche, abbia favorito proprio il formarsi delle prime comunità su territori parziali tuttavia ben differenziati e politicamente e geograficamente individuabili. Tali entità, normalmente individuate con il termine greco di nomoi, ben presto si costituirono in due distinte entità geo-politiche più complesse. Tale l'importanza del fiume Nilo, che attraversava tutto il paese, che anche le denominazioni di tali due macro-aree fanno riferimento al fiume: considerando che le sorgenti del Nilo, benché all'epoca non note, dovevano essere a sud, tale sarà l'Alto Egitto, mentre, di converso, l'area del delta, verso il Mediterraneo, sarà indicato come Basso Egitto. Dal 3200 a.C. si sono susseguite, in Egitto, trenta dinastie regnanti riconosciute archeo-storicamente; a queste debbono esserne aggiunte altre, dette di comodo, giacché riferite, di fatto, non a governi autoctoni, o comunque derivanti dal Paese, bensì frutto di invasioni o di raggiungimento del potere da parte di regnanti stranieri. Avremo perciò una XXXI dinastia, costituita da re persiani, una XXXII dinastia macedone, che annovera un solo sovrano, Alessandro Magno, ed una XXXIII dinastia, meglio nota come Dinastia tolemaica, nata dallo smembramento dell'impero di Alessandro. Anche molti imperatori romani, occupato l'Egitto, non disdegnarono di assumere il titolo di faraone con trascrizione geroglifica del proprio nome.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Storia dell'antico Egitto · Mostra di più »

Tomba di Tutankhamon

La tomba di Tutankhamon (nota anche come KV62) è il luogo di sepoltura, nella Valle dei Re, del giovanissimo sovrano della XVIII dinastia che salì al trono a 9 anni e morì a 18, poco prima di compierne 19.

Nuovo!!: Alan Gardiner e Tomba di Tutankhamon · Mostra di più »

1927

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Alan Gardiner e 1927 · Mostra di più »

1947

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Alan Gardiner e 1947 · Mostra di più »

1971

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Alan Gardiner e 1971 · Mostra di più »

2006

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Alan Gardiner e 2006 · Mostra di più »

Riorienta qui:

Alan H. Gardiner, Alan Henderson Gardiner, Sir Alan Gardiner, Sir Alan H. Gardiner.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »