Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Gratuito
l'accesso più veloce di browser!
 

Cinque reali siti

Cinque Reali Siti è la denominazione di un'area agricola della Puglia nella provincia di Foggia che comprende i comuni di Ordona, Carapelle, Orta Nova, Stornara e Stornarella che nel XVIII secolo fu interessata dalla ricolonizzazione voluta da re Ferdinando IV di Borbone.

10 relazioni: Carapelle, Ferdinando I delle Due Sicilie, Ordona, Orta Nova, Provincia di Foggia, Puglia, Regno di Napoli, Stornara, Stornarella, XVIII secolo.

Carapelle

*Carapelle - comune italiano in provincia di Foggia.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Carapelle · Mostra di più »

Ferdinando I delle Due Sicilie

Dopo questa data, con il Congresso di Vienna e con l'unificazione delle due monarchie nel Regno delle Due Sicilie, fu sovrano di tale regno dal 1816 al 1825 con il nome di Ferdinando I delle Due Sicilie.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Ferdinando I delle Due Sicilie · Mostra di più »

Ordona

Ordona è un comune italiano di 2.656 abitanti della provincia di Foggia in Puglia.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Ordona · Mostra di più »

Orta Nova

Orta Nova (fino al 1862 chiamata Orta) è un comune italiano di 17 793 abitanti della provincia di Foggia, in Puglia.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Orta Nova · Mostra di più »

Provincia di Foggia

La provincia di Foggia (provìnge de Fogge in dialetto foggiano) è una provincia italiana della Puglia di 630.625 abitanti.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Provincia di Foggia · Mostra di più »

Puglia

La Puglia (AFI:; Apulia in latino, Iapyghia, Ἰαπυγία in greco antico, Púgghie, Puie o Puje in barese, foggiano e tarantino, Poulye in francoprovenzale) è una regione italiana a statuto ordinario dell'Italia Meridionale di abitanti, con capoluogo Bari.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Puglia · Mostra di più »

Regno di Napoli

Regno di Napoli è il nome con cui è conosciuto nella storiografia moderna l'antico stato italiano esistito dal XIII al XIX secolo ed esteso a tutto il meridione continentale italiano, il cui nome ufficiale fu Regno di Sicilia o anche Regno di Sicilia citeriore, per distinguerlo dal regno esteso sull'isola omonima nello stesso periodo. Utilizzato dagli storici fu anche il nome Regno di Puglia, che trova la sua origine in età normanna, allorquando il territorio era parte integrante del Regno normanno di Sicilia. Quest'ultimo Stato fu istituito nel 1130, con il conferimento a Ruggero II d'Altavilla del titolo di Rex Siciliae dall'antipapa Anacleto II, titolo confermato nel 1139 da papa Innocenzo II. Il nuovo stato insisteva così su tutti i territori del Mezzogiorno e della Sicilia, attestandosi come il più ampio degli antichi stati italiani. A seguito della rovina della famiglia imperiale degli Hohenstaufen, che era succeduta agli Altavilla, papa Urbano IV nominò nel 1263 Carlo I d'Angiò nuovo Rex Siciliae. Ma il pesante fiscalismo angioino e il malcontento diffuso a tutti gli strati della popolazione isolana determinarono la rivolta del Vespro; seguì la guerra dei novant'anni tra Pietro III d'Aragona, imparentato con gli Hohenstaufen, e gli Angiò. Sconfitto, il 26 settembre 1282 Carlo d'Angiò lasciò definitivamente la Sicilia nelle mani degli Aragonesi. Alla stipula della Pace di Caltabellotta (1302) seguì la formale divisione del regno in due: Regnum Siciliae citra Pharum (noto nella storiografia moderna come Regno di Napoli) e Regnum Siciliae ultra Pharum (anche noto per un breve periodo come Regno di Trinacria, noto nella storiografia moderna come Regno di Sicilia). Pertanto questo trattato può essere considerato l'atto di fondazione convenzionale dell'entità politica nota come Regno di Napoli. Il regno, ormai stato sovrano, vide una grande fioritura intellettuale, economica e civile sia sotto le varie dinastie angioine (1282-1442), sia con la riconquista aragonese di Alfonso I (1442-1458), sia sotto il governo di un ramo cadetto della casa d'Aragona (1458-1501); allora la capitale era celebre per lo splendore della sua corte e il mecenatismo dei sovrani. Nel 1504, la Spagna unita sconfisse la Francia e il regno di Napoli fu da allora unito dinasticamente alla monarchia ispanica, insieme a quello di Sicilia, fino al 1713, ed entrambi furono governati come due vicereami distinti ma con la dicitura ultra et citra Pharum e con la conseguente distinzione storiografica e territoriale tra Regno di Napoli e Regno di Sicilia. Benché i due regni, nuovamente riuniti, ottennero l'indipendenza con Carlo di Borbone già nel 1734, l'unificazione giuridica definitiva di entrambi i regni si ebbe solo nel 1816, con la fondazione dello stato sovrano del Regno delle Due Sicilie. Il territorio del Regno di Napoli corrispondeva alla somma di quelli delle attuali regioni d'Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria e comprendeva anche alcune aree dell'odierno Lazio meridionale ed orientale.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Regno di Napoli · Mostra di più »

Stornara

Stornara è un comune italiano di 5.722 abitanti della provincia di Foggia in Puglia.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Stornara · Mostra di più »

Stornarella

Stornarella (Sturnarédde in dialetto foggiano) è un comune italiano di 5.360 abitanti della provincia di Foggia, in Puglia.

Nuovo!!: Cinque reali siti e Stornarella · Mostra di più »

XVIII secolo

Nel 1780 ci fu la prima rivoluzione industriale, James Watt inventa la macchina a vapore che rivoluziona appunto l'industria: i prezzi dei prodotti calarono rendendo la popolazione povera più felice, mentre gli artigiani persero così il lavoro perché i loro prodotti erano più costosi anche se unici.

Nuovo!!: Cinque reali siti e XVIII secolo · Mostra di più »

Riorienta qui:

5 reali siti.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »