Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Scaricare
l'accesso più veloce di browser!
 

Guerra dei sei giorni

Indice Guerra dei sei giorni

La guerra dei sei giorni (ebraico: מלחמת ששת הימים, Milhemet Sheshet Ha Yamim; arabo: النكسة, an-Naksah, «la sconfitta», o حرب 1967, Ḥarb 1967, guerra del 1967; 5-10 giugno 1967) fu un conflitto combattuto tra Israele da una parte ed Egitto, Siria e Giordania dall'altra, all'interno dei conflitti arabo-israeliani e che si tramutò in una rapida e totale vittoria israeliana.

91 relazioni: Abba Eban, Alture del Golan, Anni 1970, Arabia Saudita, Ariel Sharon, Armistizio di Rodi, Benny Morris, Bosra, Canale di Suez, Casus belli, Cisgiordania, Conflitto arabo-israeliano, Corpo corazzato israeliano, Crisi di Suez, Damasco, Diga, Drusi, Egitto, Eilat, ʿAbd al-Ḥakīm ʿĀmir, Fatah, Fedayyin, Forze di difesa israeliane, Francia, Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, Gamal Abd el-Nasser, Gaza, George Habash, Gerusalemme, Gerusalemme Est, Giordania, Giordano (fiume), Golfo di Aqaba, Grove Press, Guerra arabo-israeliana del 1948, Guerra del Kippur, Guerra di logoramento, Hafiz al-Asad, Hawker Hunter, Hebron, Husayn di Giordania, Immigrazione, Iran, Iraq, Israel Tal, Israele, Jebel, Lago di Tiberiade, Levi Eshkol, Libano, ..., Libia, Martin van Creveld, Medio Oriente, Mitla, Mondo arabo, Moshe Dayan, Muro Occidentale, Operazione Focus, Opinione pubblica, Organizzazione delle Nazioni Unite, Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Pace, Palestina, Panarabismo, Partito Ba'th, Penisola del Sinai, Pier Giovanni Donini, Raid, Regno Unito, Risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Sharm el-Sheikh, Siria, Stati Uniti d'America, Status quo, Stretti di Tiran, Striscia di Gaza, Territorio occupato, UNEF, Unione Sovietica, USS Liberty, Uzi Narkiss, Vicino Oriente, Yitzhak Rabin, 1948, 1956, 1957, 1963, 1964, 1966, 1967, 1969. Espandi índice (41 più) »

Abba Eban

Nato in Sudafrica, si trasferì in giovane età in Inghilterra, dove studiò al Queens College dell'Università di Cambridge.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Abba Eban · Mostra di più »

Alture del Golan

Le alture del Golan (in ebraico: רמת הגולן, Ramat HaGolan, arabo: الجولان, al-Jawlān) sono un altopiano montuoso, dell'estensione di circa 1.800 km², con un'altitudine massima di 2.814 metri (Monte Hermon), all'interno, o sui confini, di Israele, Siria, Libano e Giordania, conosciute anche come Gaulantide.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Alture del Golan · Mostra di più »

Anni 1970

Gli anni '70, comunemente chiamati anni settanta, sono il decennio che comprende gli anni dal 1970 al 1979 inclusi.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Anni 1970 · Mostra di più »

Arabia Saudita

L'Arabia Saudita (al-Suʿūdiyya o al-Saʿūdiyya), ufficialmente conosciuta come Regno dell'Arabia Saudita, è il più grande Stato arabo dell'Asia occidentale per superficie (circa 2,25 milioni di km², che costituiscono il grosso della penisola arabica), il secondo più grande del mondo arabo (dopo l'Algeria).

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Arabia Saudita · Mostra di più »

Ariel Sharon

Entrato in giovane età nelle formazioni paramilitari sioniste in Palestina, dopo la fondazione dello stato di Israele entrò a far parte dell'esercito israeliano, partecipando con distinzione a tutte le guerre arabo-israeliane.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Ariel Sharon · Mostra di più »

Armistizio di Rodi

Gli accordi d'armistizio arabo-israeliano di Rodi del 1949 sono stati firmati da Israele e da ciascuno dei Paesi arabi confinanti: Egitto, Siria, Libano e Transgiordania.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Armistizio di Rodi · Mostra di più »

Benny Morris

È uno dei più influenti rappresentanti dei Nuovi Storici post-sionisti, un gruppo di ricercatori universitari che ha rimesso in discussione alcune visioni dei conflitti arabo-israeliani, specialmente quello del 1948 susseguente all'autoproclamazione d'indipendenza dello Stato d'Israele.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Benny Morris · Mostra di più »

Bosra

Bosra (nomi alternativi: Bostra, Busrana, Bozrah, Bozra, Busra Eski Sham, Busra al-Shām, Nova Trojana Bostra) è un'antica città nel sud della Siria, per un certo periodo capitale del regno nabateo e capitale della Provincia Arabica sotto i romani, lArabia Petraea.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Bosra · Mostra di più »

Canale di Suez

Il Canale di Suez, è un canale artificiale navigabile situato in Egitto, a ovest della penisola del Sinai, tra Porto Said (Bûr Sa'îd) sul mar Mediterraneo e Suez (al-Suways) sul Mar Rosso.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Canale di Suez · Mostra di più »

Casus belli

Casus belli è una locuzione latina il cui significato letterale è "motivo della guerra".

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Casus belli · Mostra di più »

Cisgiordania

La Cisgiordania (letteralmente "la parte al di qua del Giordano";, aḍ-Ḍiffä l-Ġharbīyä;, HaGadah HaMa'aravit o, sempre in ebraico e ufficialmente per lo Stato d'Israele, יהודה ושומרון, Yehuda ve'Shomron, Giudea e Samaria; in inglese chiamata West Bank, "la sponda occidentale"), è un territorio senza sbocco al mare sulla riva occidentale del fiume Giordano, nel Medio Oriente.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Cisgiordania · Mostra di più »

Conflitto arabo-israeliano

Il conflitto arabo-israeliano (ha-sikhsukh ha-israeli-aravi) è un conflitto politico-militare che vede contrapposti lo Stato di Israele da una parte e i palestinesi e gli Stati arabi circostanti dall'altra.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Conflitto arabo-israeliano · Mostra di più »

Corpo corazzato israeliano

Il Corpo corazzato israeliano, anche noto come Israeli Armored Corps, è un'unità delle IDF che inquadra tutte le unità corazzate dell'esercito israeliano.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Corpo corazzato israeliano · Mostra di più »

Crisi di Suez

La crisi di Suez fu un conflitto che nel 1956 caratterizzò l'occupazione militare del canale di Suez da parte di Francia, Regno Unito ed Israele, a cui si oppose l'Egitto.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Crisi di Suez · Mostra di più »

Damasco

Damasco è la capitale della Siria.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Damasco · Mostra di più »

Diga

Una diga è uno sbarramento artificiale permanente, fisso o mobile, atto a regolare il deflusso di un corso d'acqua naturale, a creare un invaso, oppure a proteggere un tratto di costa o un porto.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Diga · Mostra di più »

Drusi

Il termine drusi è utilizzato per indicare gli appartenenti a un gruppo etnoreligioso costituito dai seguaci di una religione monoteista di derivazione musulmana sciita.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Drusi · Mostra di più »

Egitto

L'Egitto, ufficialmente Repubblica araba d'Egitto (translitterato: Ǧumhūriyya Miṣr al-ʿArabiyya), è un paese transcontinentale che attraversa l'angolo nord-est dell'Africa e l'angolo sud-ovest dell'Asia attraverso un ponte di terra formato dalla penisola del Sinai.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Egitto · Mostra di più »

Eilat

Eilat (in ebraico אילת) è una città dell'estremo sud di Israele, sulle rive del Mar Rosso.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Eilat · Mostra di più »

ʿAbd al-Ḥakīm ʿĀmir

ʿĀmer nacque ad Astal, nel Governatorato di Minya, l'11 dicembre del 1919.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e ʿAbd al-Ḥakīm ʿĀmir · Mostra di più »

Fatah

Al-Fatah o Fatah, ma più correttamente, al-Fatḥ (ossia "la Conquista"), visto che al-fatāh significa "il/la giovane"), è un'organizzazione politica e paramilitare palestinese, facente parte dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Fārūq al-Qaddūmī, alias Abū Luṭf, nome di battaglia che significa "Quello della Gentilezza", è stato il cervello di al-Fatḥ, vale a dire di fatto il cervello della Resistenza Palestinese. Nel 1961 un gruppo di intellettuali si mise al lavoro per creare al-Fatḥ. Fārūq al-Qaddūmī affermò: Il nome deriva da FTḤ, acronimo inverso dell'espressione araba Ḥarakat al-Taḥrīr al-Filasṭīnī (Movimento di Liberazione Palestinese, quindi parole molto simili a quelle che compongono l'acronimo OLP). L'acronimo "ḤATF" avrebbe avuto lo stesso suono di un sostantivo che significa "morte", e perciò ʿArafāt preferì invertire l'acronimo che, come "FTḤ, può anche significare "conquista" o "vittoria in battaglia". Sull'emblema compare anche la parola araba al-ʿāṣifa (la tempesta), nome della prima struttura armata di Fatḥ, mentre sotto il simbolo è scritto in lingua araba al-thawra ḥattā al-nāṣir (rivoluzione fino alla vittoria).

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Fatah · Mostra di più »

Fedayyin

Fedayyìn, o Fidayyìn (in, in lingua armena: Ֆէտայի) è il plurale arabo del termine fidā'ī che letteralmente significa devoto.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Fedayyin · Mostra di più »

Forze di difesa israeliane

Le Forze di difesa israeliane (traslitterato Tzva HaHagana LeYisra'el, anche note con la sigla IDF, dalla lingua inglese Israel Defense Forces) spesso semplicemente chiamate Tzahal o Tsahal (צה"ל) sono le forze armate dello Stato di Israele.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Forze di difesa israeliane · Mostra di più »

Francia

La Francia (in francese: France), ufficialmente Repubblica francese (in francese: République française), è uno Stato transcontinentale principalmente situato nell'Europa occidentale, ma che possiede ugualmente territori disseminati su più oceani e altri continenti.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Francia · Mostra di più »

Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP; a volte è utilizzato anche l'acronimo inglese PFLP) è una formazione politica e militare palestinese di ispirazione marxista-leninista, inserita da Canada, Stati Uniti e Unione Europea tra le organizzazioni terroristiche.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina · Mostra di più »

Gamal Abd el-Nasser

Nato ad Alessandria d'Egitto il 15 gennaio del 1918 da una modesta famiglia originaria di Beni Morr, un centro abitato poco distante da Asyūṭ (il padre ʿAbd al-Nāṣer era funzionario delle poste), il giovane Gamāl studiò per i primi due anni ad Asyūṭ e per otto anni ad al-Khaṭāṭba (località sita a nord-ovest del Cairo, presso il confine libico).

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Gamal Abd el-Nasser · Mostra di più »

Gaza

Gaza (in ebraico: עזה, Azzah), o Città di Gaza (Madīnat Ghazza), è la più grande città della Striscia di Gaza, è parte dei Territori palestinesi occupati e, a livello puramente teorico, amministrata dall'Autorità Nazionale Palestinese.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Gaza · Mostra di più »

George Habash

Fu il fondatore negli anni '50 del Movimento Nazionalista Arabo, di orientamento panarabo, dalla cui sezione palestinese nacque nel 1967 il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), in cui confluirono diverse organizzazioni preesistenti.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e George Habash · Mostra di più »

Gerusalemme

Gerusalemme (AFI:;, Yerushalayim, Yerushalaim e/o Yerushalaym;, "la (città) santa", sempre, in greco Ιεροσόλυμα, Ierosólyma, in latino Hierosolyma o Ierusalem, per antonomasia è definita "La Città Eterna"), capitale giudaica tra il X e il VI secolo a.C., è la capitale contesa di Israele e città santa nell'Ebraismo, nel Cristianesimo e nell'Islam.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Gerusalemme · Mostra di più »

Gerusalemme Est

Gerusalemme Est, capitale proclamata dello Stato di Palestina, è la parte orientale di Gerusalemme, unilateralmente annessa da Israele nel 1967 dopo la guerra dei sei giorni.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Gerusalemme Est · Mostra di più »

Giordania

La Giordania o Regno Hascemita di Giordania è uno Stato del Vicino Oriente (Asia).

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Giordania · Mostra di più »

Giordano (fiume)

Il Giordano (AFI:; in ebraico: נהר הירדן: Nehar haYarden) è un fiume dell'Asia occidentale che bagna Israele e Libano, Cisgiordania, Siria e Giordania.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Giordano (fiume) · Mostra di più »

Golfo di Aqaba

Il golfo di Aqaba, noto anche come golfo di Eilat, è un golfo del mar Rosso, situato tra la penisola del Sinai e la penisola araba.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Golfo di Aqaba · Mostra di più »

Grove Press

La Grove Press è una casa editrice statunitense fondata nel 1951, che contribuì alla diffusione delle correnti letterarie della controcultura, come lavant-garde francese e l'American beat.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Grove Press · Mostra di più »

Guerra arabo-israeliana del 1948

La guerra arabo-israeliana del 1948 (per gli israeliani מלחמת העצמאות, «Guerra d'indipendenza», per gli arabi al-Nakba,, ossia «la catastrofe») è il conflitto, compreso nell'ambito dei conflitti arabo-israeliani, che portò nel 1948 allo scontro tra la componente ebraica della Palestina e la componente arabo-palestinese della stessa regione, appoggiata quest'ultima dalle forze armate di diversi paesi arabi del Vicino Oriente, solidali nel tentativo d'impedire la nascita dello Stato d'Israele.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Guerra arabo-israeliana del 1948 · Mostra di più »

Guerra del Kippur

La guerra del Kippur (in ebraico מלחמת יום הכיפורים, Milhemet Yom HaKipurim, o מלחמת יום כיפור, Milhemet Yom Kipur; in arabo حرب أكتوبر, Ḥarb Oktōber o حرب تشرين, Ḥarb Tishrīn), fu un conflitto armato combattuto dal 6 al 25 ottobre 1973 tra Israele e una coalizione araba composta principalmente da Egitto e Siria.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Guerra del Kippur · Mostra di più »

Guerra di logoramento

La guerra di logoramento è una strategia che mira a consumare le risorse materiali nonché il morale del nemico per obbligarlo alla trattativa oppure per strappargli l'iniziativa.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Guerra di logoramento · Mostra di più »

Hafiz al-Asad

Generale dell'aviazione militare siriana, nonché alto esponente ba'thista, Hafiz al-Asad divenne infine presidente della Siria dal 1971 fino alla morte nel 2000.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Hafiz al-Asad · Mostra di più »

Hawker Hunter

L'Hawker Hunter era un aereo da caccia britannico di seconda generazione impiegato a partire dalla metà degli anni cinquanta.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Hawker Hunter · Mostra di più »

Hebron

Hebron (AFI:; in arabo الخليل, al-Khalīl, lett. "amico", riferito al patriarca Abramo; in ebraico חֶבְרוֹן, ebraico standard Hevron, ebraico di Tiberiade Ḥeḇrôn: derivato dalla parola "amico") è una città della Cisgiordania (Giudea secondo la toponomastica ebraica) di circa 200.000 abitanti (palestinesi) più, circa, 700 ebrei che vivono nell'antico quartiere ebraico della città, a cui si devono aggiungere i circa 7.000 ebrei della contigua Qiryat Arba.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Hebron · Mostra di più »

Husayn di Giordania

Nacque ad Amman il 14 novembre 1935 da Ṭalāl e Zein al-Sharaf, undici anni prima che suo nonno, l'emiro di Transgiordania ʿAbd Allāh, assumesse il titolo di Re.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Husayn di Giordania · Mostra di più »

Immigrazione

L'immigrazione è il trasferimento permanente o temporaneo di singoli individui o di gruppi di persone in un paese o luogo diverso da quello di origine.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Immigrazione · Mostra di più »

Iran

L'Iran, ufficialmente Repubblica Islamica dell'Iran e conosciuto anche come Persia, è uno Stato dell'Asia situato all'estremità orientale del Medio Oriente.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Iran · Mostra di più »

Iraq

L'Iraq, ufficialmente Repubblica d'Iraq, è uno Stato dell'Asia occidentale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Iraq · Mostra di più »

Israel Tal

Dopo aver combattuto durante la seconda guerra mondiale nei ranghi della Brigata Ebraica in Italia, Israel Tal si arruolò nel nuovo esercito di Israele (Tsahal) partecipando a tutte le guerre arabo-israeliane; dopo una serie di rapide promozioni divenne maggior generale e il massimo esperto israeliano di forze corazzate e di guerra con carri armati.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Israel Tal · Mostra di più »

Israele

Israele, ufficialmente Stato d'Israele (in ebraico:, Medinat Yisra'el; in arabo: دولة اسرائيل, Dawlat Isrā'īl), è uno Stato del Vicino Oriente affacciato sul mar Mediterraneo e che confina a nord con il Libano, con la Siria a nord-est, Giordania a est, Egitto e golfo di Aqaba a sud e con i territori palestinesi, ossia Cisgiordania (comprendente le regioni storiche di Giudea e Samaria) a est, e Striscia di Gaza a sud-ovest.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Israele · Mostra di più »

Jebel

Jebel (in ungherese Széphely, in tedesco Schebel) è un comune della Romania di 3.392 abitanti, ubicato nel distretto di Timiș, nella regione storica del Banato.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Jebel · Mostra di più »

Lago di Tiberiade

Il lago di Tiberiade o di Genesaret o di Kinneret, talvolta chiamato anche mar di Galilea, è il più grande lago d'acqua dolce dello Stato di Israele avendo una circonferenza di circa 53 km.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Lago di Tiberiade · Mostra di più »

Levi Eshkol

Nato nella cittadina di Oratov, oggi Orativ, zona di Vinnitza, a 150 km sud di Kiev (Ucraina), nell'Impero Russo, ricevette, durante l'infanzia, un'educazione ebraica tradizionale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Levi Eshkol · Mostra di più »

Libano

Il Libano (Lubnān; francese: Liban, nella forma estesa, République libanaise ossia "Repubblica libanese") è uno Stato del Vicino Oriente che si affaccia sul settore orientale del mar Mediterraneo.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Libano · Mostra di più »

Libia

La Libia (AFI), ufficialmente Stato della Libia, è uno Stato del Nordafrica.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Libia · Mostra di più »

Martin van Creveld

Van Creveld è nato nei Paesi Bassi, nella città di Rotterdam, ma ha vissuto in Israele fin da poco dopo la sua nascita.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Martin van Creveld · Mostra di più »

Medio Oriente

Il Medio Oriente è una regione geografica che comprende i territori dell'Asia occidentale, europei (la porzione di Turchia a ovest dello stretto del Bosforo) e nordafricani (Egitto).

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Medio Oriente · Mostra di più »

Mitla

Mitla è un sito archeologico precolombiano e uno dei maggiori centri della cultura degli Zapotechi.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Mitla · Mostra di più »

Mondo arabo

L'espressione mondo arabo è usata convenzionalmente per indicare i 22 stati membri della Lega degli Stati Arabi; per "paesi arabi" si intendono i paesi la cui lingua ufficiale maggioritaria è l'arabo e che sono abitati in maggioranza da arabi; sono localizzati nel Medio Oriente, nel Nordafrica e in parte nel Deserto del Sahara e del Corno d'Africa.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Mondo arabo · Mostra di più »

Moshe Dayan

Fu il quarto Capo di stato maggiore generale delle Forze di difesa israeliane.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Moshe Dayan · Mostra di più »

Muro Occidentale

Il Muro Occidentale (ebraico: הכותל המערבי, HaKotel HaMa'aravi), o semplicemente Kotel, è un muro di cinta risalente all'epoca del secondo Tempio di Gerusalemme.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Muro Occidentale · Mostra di più »

Operazione Focus

Operazione Focus (in ebraico מבצע מוקד – Mivtza Moked) o operazione Moked (dalla traslitterazione dell'equivalente in ebraico) era il nome in codice assegnato da Israele all'attacco aereo, noto anche come attacco aereo del Sinai, sferrato dall'Aeronautica Militare Israeliana (IAF) e ha segnato l'inizio della guerra dei sei giorni, al fine di distruggere la maggior parte delle forze aeree egiziane a terra.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Operazione Focus · Mostra di più »

Opinione pubblica

L'opinione pubblica è l'aggregato delle attitudini di pensiero collettive o delle convinzioni mantenute dalla popolazione adulta.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Opinione pubblica · Mostra di più »

Organizzazione delle Nazioni Unite

L'Organizzazione delle Nazioni Unite, in sigla ONU o UN (dall'inglese), spesso abbreviata in Nazioni Unite, è un'organizzazione intergovernativa a carattere internazionale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Organizzazione delle Nazioni Unite · Mostra di più »

Organizzazione per la Liberazione della Palestina

L'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) è un'organizzazione politica e paramilitare palestinese, considerata dalla Lega araba a partire dal 1974 la legittima "rappresentante del popolo palestinese".

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Organizzazione per la Liberazione della Palestina · Mostra di più »

Pace

La pace è una condizione sociale, relazionale, politica (per estensione anche personale ovvero intraindividuale, o eventualmente legata ad altri contesti), caratterizzata dalla presenza di condivisa armonia e contemporanea assenza di tensioni e conflitti.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Pace · Mostra di più »

Palestina

Con il nome Palestina (Palestina; in yiddish: פאלעסטינע, Palestine; in greco: Παλαιστίνη, Palaistine; in latino: Palaestina) viene indicata la regione geografica del Vicino Oriente compresa tra il Mar Mediterraneo, il fiume Giordano, il Mar Morto, a scendere fino al mar Rosso e i confini con l'Egitto.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Palestina · Mostra di più »

Panarabismo

Il panarabismo è sia un movimento politico sia un'ideologia: lo scopo principale è la visibilità sulla scena mondiale come soggetto politico autonomo dell'insieme dei popoli, ne fanno parte stati nordafricani e medio-orientali.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Panarabismo · Mostra di più »

Partito Ba'th

Il Partito del Risorgimento Arabo Socialista, meglio noto come Partito Baʿth Arabo Socialista o più semplicemente Baʿth (ossia Risorgimento), è stato un partito politico panarabo, fondato nel secondo dopoguerra dai siriani Michel ʿAflaq e Ṣalāḥ al-Dīn al-Bīṭār.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Partito Ba'th · Mostra di più »

Penisola del Sinai

La penisola del Sinai (ebraico: סיני) è una penisola di forma triangolare del Vicino Oriente che fa parte dell'Egitto nord-orientale ed è zona di congiunzione tra i continenti africano e asiatico.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Penisola del Sinai · Mostra di più »

Pier Giovanni Donini

Laureato in Economia e Commercio con Federico Caffè, Donini (nipote di Ambrogio Donini) s'era presto interessato delle problematiche del Vicino e Medio Oriente e s'era voluto diplomare all'Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO) di Roma in Lingua persiana per poter attingere di prima mano alle fonti storiche di quel Paese, la cui lunga e complessa storia lo rende assai simile all'Italia nel contesto dei paesi dell'Europa cristiana quanto a complessità della vita urbana e quanto a numero di dominazioni e dinastie che sul suo suolo hanno operato per numerosi secoli.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Pier Giovanni Donini · Mostra di più »

Raid

Il raid, in campo militare, è inteso come un'azione di sorpresa, generalmente eseguita con ridotto impiego di mezzi, contro obiettivi di limitata importanza nel quale, a differenza del blitz, è sempre programmato il rientro alla base, non prevedendo l'occupazione del territorio di manovra.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Raid · Mostra di più »

Regno Unito

Il Regno Unito, ufficialmente Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (in inglese: United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland; abbreviato in UK), è uno stato membro dell'Unione europea situato nell'Europa occidentale con una popolazione di circa 64,5 milioni di abitanti.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Regno Unito · Mostra di più »

Risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

La risoluzione 242 fu votata il 22 novembre 1967 dal Consiglio di sicurezza dell'ONU dopo la guerra dei sei giorni; è stata emanata sulla scorta del VI capitolo della Carta delle Nazioni Unite, relativo alla risoluzione pacifica di dispute, e come tale ha natura di raccomandazione ma non è vincolante.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite · Mostra di più »

Sharm el-Sheikh

Sharm el-Sheikh (IPA: ˈʃɑɾˤm eʃˈʃeːx, ossia "Baia dello Shaykh") è una località turistica egiziana posta nella parte meridionale della penisola del Sinai e bagnata dal mar Rosso.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Sharm el-Sheikh · Mostra di più »

Siria

Aiuto:Stato --> La Repubblica Araba di Siria, o semplicemente Siria, è uno Stato del Vicino Oriente, vasta, con 18 906 907 abitanti.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Siria · Mostra di più »

Stati Uniti d'America

Gli Stati Uniti d'America (in inglese: United States of America o anche solo United States; in sigla USA o anche solo U.S.), comunemente indicati come Stati Uniti e impropriamente con la sineddoche "America", sono una repubblica federale composta da cinquanta Stati e un distretto federale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Stati Uniti d'America · Mostra di più »

Status quo

Status quo è un'espressione derivata dal latino in statu quo ante (.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Status quo · Mostra di più »

Stretti di Tiran

Gli stretti di Tiran Immagine dal satellite Gli Stretti di Tiran sono degli stretti passaggi di mare formati dalla presenza dell'isola di Tiran nel punto del golfo di Aqaba in cui la distanza tra la penisola del Sinai e la penisola araba si riduce a una ventina di chilometri.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Stretti di Tiran · Mostra di più »

Striscia di Gaza

Col termine striscia di Gaza (in ebraico: רצועת עזה, Retzu'at 'Azza) si indica un territorio palestinese confinante con Israele ed Egitto nei pressi della città di Gaza. Si tratta di una regione costiera di 360 km² di superficie popolata da circa 1.760.037 abitanti di etnia palestinese, di cui 1.240.082 rifugiati palestinesi. Rivendicato dai palestinesi, assieme alla Cisgiordania e a Gerusalemme Est, come parte dello Stato di Palestina nella regione storico-geografica della Palestina, dal 2007 è governato da Hamas in seguito alle elezioni legislative del 2006 e alla battaglia di Gaza del 2007. Nonostante il ritiro dei militari e dei civili israeliani da Gaza nel 2005, le Nazioni Unite, le organizzazioni internazionali per i diritti umani, e la maggioranza dei governi e dei giuristi considerano il territorio ancora occupato da Israele, che mantiene sulla striscia un blocco insieme all'Egitto. Israele controlla lo spazio aereo e marittimo della striscia, sei dei sette attraversamenti della frontiera terrestre e il movimento di merci e persone dentro e fuori dalla striscia.*"Israel claims it no longer occupies the Gaza Strip, maintaining that it is neither a Stale nor a territory occupied or controlled by Israel, but rather it has 'sui generis' status. Pursuant to the Disengagement Plan, Israel dismantled all military institutions and settlements in Gaza and there is no longer a permanent Israeli military or civilian presence in the territory. However the Plan also provided that Israel will guard and monitor the external land perimeter of the Gaza Strip, will continue to maintain exclusive authority in Gaza air space, and will continue to exercise security activity in the sea off the coast of the Gaza Strip as well as maintaining an Israeli military presence on the Egyptian-Gaza border. and reserving the right to reenter Gaza at will. Israel continues to control six of Gaza's seven land crossings, its maritime borders and airspace and the movement of goods and persons in and out of the territory. Egypt controls one of Gaza's land crossings. Troops from the Israeli Defence Force regularly enter pans of the territory and/or deploy missile attacks, drones and sonic bombs into Gaza. Israel has declared a no-go buffer zone that stretches deep into Gaza: if Gazans enter this zone they are shot on sight. Gaza is also dependent on Israel for water, electricity, telecommunications and other utilities, currency, issuing IDs, and permits to enter and leave the territory. Israel also has sole control of the Palestinian Population Registry through which the Israeli Army regulates who is classified as a Palestinian and who is a Gazan or West Banker. Since 2000 aside from a limited number of exceptions Israel has refused to add people to the Palestinian Population Registry.It is this direct external control over Gaza and indirect control over life within Gaza that has led the United Nations, the UN General Assembly, the UN Fact Finding Mission to Gaza, International human rights organisations, US Government websites, the UK Foreign and Commonwealth Office and a significant number of legal commentators, to reject the argument that Gaza is no longer occupied."* "Even after the accession to power of Hamas, Israel's claim that it no longer occupies Gaza has not been accepted by UN bodies, most States, nor the majority of academic commentators because of its exclusive control of its border with Gaza and crossing points including the effective control it exerted over the Rafah crossing until at least May 2011, its control of Gaza's maritime zones and airspace which constitute what Aronson terms the 'security envelope' around Gaza, as well as its ability to intervene forcibly at will in Gaza."* "While Israel withdrew from the immediate territory, it remained in control of all access to and from Gaza through the border crossings, as well as through the coastline and the airspace. In addition, Gaza was dependent upon Israel for water, electricity sewage communication networks and for its trade (Gisha 2007.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Striscia di Gaza · Mostra di più »

Territorio occupato

La locuzione territori occupati viene specificatamente utilizzata nel diritto internazionale, per definire uno o più territori di uno Stato sovrano occupati militarmente da altri Stati.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Territorio occupato · Mostra di più »

UNEF

La prima Forza di emergenza delle Nazioni Unite (UNEF) fu stabilita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per mettere fine alla crisi di Suez con la risoluzione 1001 (ES-I) del 7 novembre 1956, in larga misura come risultato degli sforzi del segretario generale Dag Hammarskjöld e del ministro agli Affari Esteri canadese Lester Pearson.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e UNEF · Mostra di più »

Unione Sovietica

L'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (Sojuz Sovetskich Socialističeskich Respublik), acronimo URSS e in forma abbreviata Unione Sovietica (Sovetskij Sojuz), fu uno Stato federale che si estendeva tra Europa orientale e Asia settentrionale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Unione Sovietica · Mostra di più »

USS Liberty

La USS Liberty era una nave spia della marina degli Stati Uniti che operava per conto dal National Security Agency (NSA) e che divenne famosa per l'attacco che subì l'8 giugno 1967 al largo delle coste di Israele.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e USS Liberty · Mostra di più »

Uzi Narkiss

Uzi Narkiss nacque a Gerusalemme da una famiglia di origine polacca emigrata in Palestina durante il mandato britannico, poco dopo la prima guerra mondiale.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Uzi Narkiss · Mostra di più »

Vicino Oriente

Vicino Oriente è un'espressione che propriamente andrebbe usata per indicare la regione geografica oggi per lo più arabofona che si estende dalla sponda orientale del Mar Mediterraneo all'Iran e alla Penisola Arabica.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Vicino Oriente · Mostra di più »

Yitzhak Rabin

È stato il primo Primo ministro dello stato d'Israele ad essere nato sul territorio del proprio Stato, a Gerusalemme.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e Yitzhak Rabin · Mostra di più »

1948

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1948 · Mostra di più »

1956

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1956 · Mostra di più »

1957

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1957 · Mostra di più »

1963

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1963 · Mostra di più »

1964

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1964 · Mostra di più »

1966

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1966 · Mostra di più »

1967

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1967 · Mostra di più »

1969

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: Guerra dei sei giorni e 1969 · Mostra di più »

Riorienta qui:

Guerra dei 6 giorni, Guerra dei Sei Giorni, Guerra dei Sei giorni, III Guerra arabo-israeliana, III guerra arabo-israeliana, Terza guerra arabo-israeliana.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »