Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Scaricare
l'accesso più veloce di browser!
 

Regione di K'ašat'aġ

La regione di K'ašat'aġ (traslitterato anche Kashatagh o Qashatagh) è una regione dell'Artsakh, già repubblica del Nagorno Karabakh, con capoluogo Berjor e circa abitanti.

23 relazioni: Altopiano del Karabakh, Araks, Armenia, Artsakh, Corridoio di Laçın, Curdi, Distretto di Laçın, Distretto di Qubadlı, Distretto di Zəngilan, Goris, Guerra civile siriana, Guerra del Nagorno Karabakh, Hakari, Iran, Laçın, Miǰnavan, Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh, Pietro apostolo, Qubadlı, Siria, Step'anakert, Vorotan, Zəngilan.

Altopiano del Karabakh

L'Altopiano del Karabakh (anche Altopiano dell'Artsakh) è una piana di natura vulcanica, appartenente al sistema montuoso del Caucaso Minore.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Altopiano del Karabakh · Mostra di più »

Araks

*Araks – fiume che scorre in Turchia, Armenia, Nagorno-Karabakh, Iran ed Azerbaigian;.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Araks · Mostra di più »

Armenia

L'Armenia è uno Stato eurasiatico indipendente del Caucaso meridionale, con capitale Erevan.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Armenia · Mostra di più »

Artsakh

L'Artsakh, ufficialmente Repubblica dell'Artsakh (Արցախի Հանրապետություն, Artsakhi Hanrapetut’yun), è de facto uno stato a riconoscimento limitato, non riconosciuto da alcun membro dell'ONU, autoproclamatosi indipendente dall'Azerbaigian.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Artsakh · Mostra di più »

Capodanno

Capodanno (da capo d'anno) è il primo giorno dell'anno.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Capodanno · Mostra di più »

Corridoio di Laçın

Il Corridoio di Lachin (in armeno Լաչինի միջանցք, Lachini mijantsk') è un passaggio di montagna, in una esigua porzione di territorio di nove chilometri di larghezza, che prima della guerra del Nagorno Karabakh rappresentava il punto di maggior vicinanza tra l'Armenia e l'enclave armena del Nagorno Karabakh che si trovava interamente in territorio azero.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Corridoio di Laçın · Mostra di più »

Curdi

I Curdi sono un gruppo etnico indoeuropeo che abita nella parte settentrionale e nord-orientale della Mesopotamia.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Curdi · Mostra di più »

Distretto di Laçın

Il distretto di Laçın (in azero: Laçın rayon) è un distretto dell'Azerbaigian.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Distretto di Laçın · Mostra di più »

Distretto di Qubadlı

Il distretto di Qubadlı (in azero: Qubadlı rayon) è un distretto dell'Azerbaigian.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Distretto di Qubadlı · Mostra di più »

Distretto di Zəngilan

Il distretto di Zəngilan era un distretto dell'Azerbaigian ma a seguito della guerra del Nagorno Karabakh è ora parte integrante della repubblica del Nagorno Karabakh che lo include nella regione di K'ašat'aġ.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Distretto di Zəngilan · Mostra di più »

Goris

Goris è un comune di 23022 abitanti (2010) della Provincia di Syunik in Armenia.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Goris · Mostra di più »

Guerra civile siriana

La guerra civile siriana, o crisi siriana, ha avuto inizio il 15 marzo 2011 in Siria con le prime dimostrazioni pubbliche contro il governo centrale, parte del contesto più ampio della primavera araba, per poi svilupparsi in rivolte su scala nazionale e quindi in una guerra civile nel 2012; il conflitto è ancora in corso. Le iniziali proteste hanno l'obiettivo di spingere alle dimissioni il presidente Bashar al-Assad ed eliminare la struttura istituzionale monopartitica del Partito Ba'th. Col radicalizzarsi degli scontri si aggiunge con sempre maggiore forza una componente estremista di stampo salafita che, anche grazie agli aiuti di alcune nazioni sunnite del Golfo Persico, si pensa possa aver raggiunto il 75% della totalità dei combattenti. Tali gruppi fondamentalisti hanno come principale obiettivo l'instaurazione della Shari'a in Siria. A causa della posizione strategica della Siria, dei suoi legami internazionali e del perdurare della guerra civile, la crisi ha coinvolto i paesi confinanti e buona parte della comunità internazionale. Gli organi dirigenti del Partito Ba'th e lo stesso presidente appartengono alla comunità religiosa alawita, una branca dello sciismo che è tuttavia minoritaria in Siria, e per questo motivo l'Iran sciita è intervenuto a protezione del governo siriano: combattenti iraniani sono presenti a fianco delle Forze armate siriane per mantenere al potere il governo alleato. Il fronte governativo è inoltre sostenuto da combattenti sciiti provenienti da altri Paesi, fra cui l'Iraq e l'Afghanistan. Il fronte dei ribelli è invece sostenuto dalla Turchia e soprattutto dai Paesi sunniti del Golfo, in particolare Arabia Saudita e Qatar, che mirano a contrastare la presenza sciita in Medio Oriente. In ambito ONU si è verificata una profonda spaccatura tra Stati Uniti d'America, Francia e Regno Unito che hanno espresso sostegno ai ribelli e Cina e Russia che invece sostengono il governo siriano sia in ambito diplomatico che militare. La delicata composizione etnica siriana si è fortemente riflessa negli schieramenti in campo. Sebbene le prime manifestazioni antigovernative avessero uno spirito "laico" e avessero coinvolto tutte le principali città del paese, incluse quelle a maggioranza alawita come Latakia, il perdurare della crisi ha polarizzato gli schieramenti, portando la componente sciita a sostenere il governo insieme a gran parte delle minoranze religiose, che hanno goduto della protezione del governo laico del Partito Ba'th. Il fronte dei ribelli rimane composto prevalentemente da sunniti, i quali però non costituiscono un blocco compatto: parte della popolazione sunnita continua a sostenere il governo e sono sunniti alcuni membri dell'esecutivo e buona parte dell'esercito. Le stragi perpetrate dalle componenti fondamentaliste dei ribelli nei confronti delle minoranze religiose in Siria hanno portato le Nazioni Unite a definire la guerra civile come un «conflitto di natura settaria». Le organizzazioni internazionali hanno accusato le forze governative e i miliziani Shabiha di usare i civili come scudi umani, di puntare intenzionalmente le armi su di loro, di adottare la tattica della terra bruciata e di eseguire omicidi di massa; i ribelli anti-governativi sono stati accusati di abusi dei diritti umani tra cui torture, sequestri, detenzioni illecite ed esecuzioni di soldati e civili. L'accezione "guerra civile" per descrivere il conflitto in atto è stata usata il 15 luglio 2012 dal Comitato Internazionale della Croce Rossa, che ha definito la crisi siriana un «conflitto armato non internazionale».

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Guerra civile siriana · Mostra di più »

Guerra del Nagorno Karabakh

La guerra del Nagorno Karabakh è stato un conflitto armato che si è svolto tra il gennaio 1992 e il maggio 1994, nella piccola enclave del Nagorno Karabakh, nel sud-ovest dell'Azerbaigian, tra la maggioranza etnica armena del Nagorno Karabakh, sostenuta dalla Repubblica Armena, e la Repubblica dell'Azerbaigian.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Guerra del Nagorno Karabakh · Mostra di più »

Hakari

L'Hakari (anche Hagari e Heyqari) è un fiume del Nagorno Karabakh che scorre da nord verso sud per immettersi nell'Aras.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Hakari · Mostra di più »

Iran

L'Iran, ufficialmente Repubblica Islamica dell'Iran e conosciuto anche come Persia, è uno Stato dell'Asia situato all'estremità orientale del Medio Oriente.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Iran · Mostra di più »

Laçın

Laçın o, in armeno, Berjor (Բերձոր) o Berdzor, è, de iure, un comune dell'Azerbaigian, capoluogo dell'omonimo distretto; è de facto situato nel territorio dell'Artsakh, autoproclamatosi indipendente, e ne costituisce una comunità all'interno della Regione di Kashatagh, di cui è capoluogo.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Laçın · Mostra di più »

Miǰnavan

Miǰnavan (in armeno Միջնավան, traslitterato anche Midjnavan o Michnavan) è, de iure, un comune dell'Azerbaigian situato nel distretto di Zəngilan; de facto si estende nel territorio dell'Artsakh, autoproclamatosi indipendente, e ne costituisce una comunità all'interno della Regione di Kashatagh.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Miǰnavan · Mostra di più »

Natale

Il Natale è una festa cristiana che celebra la nascita di Gesù ("Natività"): cade il 25 dicembre per la maggior parte delle Chiese cristiane occidentali e greco-ortodosse; per le Chiese ortodosse orientali cade il 6 gennaio e il 7 gennaio per le Chiese ortodosse slave, che seguono il calendario giuliano.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Natale · Mostra di più »

Natale nel folclore

Il Natale è una festa accompagnata da diversi costumi, folclore e celebrazioni, variabili da paese a paese, sia dal punto di vista sociale che religioso.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Natale nel folclore · Mostra di più »

Notte di San Silvestro

La notte di San Silvestro, vigilia di Capodanno, corrisponde alla notte tra il 31 dicembre e il 1º gennaio (Capodanno).

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Notte di San Silvestro · Mostra di più »

Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh

L'Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh (NKAO) (in russo: Нагорно-Карабахская автономная область, in azero: Дағлыг Гарабағ мухтар вилаjəти, in armeno: Լեռնային Ղարաբաղի Ինքնավար Մարզ) è stata un'oblast' dell'Unione Sovietica, popolata prevalentemente da armeni, creata il 7 luglio 1923 all'interno della Repubblica Socialista Sovietica Azera.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Oblast' Autonoma del Nagorno Karabakh · Mostra di più »

Periodo natalizio

Il periodo natalizio o stagione natalizia è un insieme di festività, espansione del Natale.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Periodo natalizio · Mostra di più »

Pietro apostolo

Divenuto apostolo di Gesù dopo che questi lo chiamò presso il lago di Galilea, fece parte di una cerchia ristretta (insieme con Giovanni e Giacomo) dei tre che assistettero alla resurrezione della figlia di Giairo, alla trasfigurazione e all'agonia di Gesù nell'orto degli ulivi.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Pietro apostolo · Mostra di più »

Qubadlı

Qubadlı o, in armeno, Sanasar (Սանասար), anche Vorotan (Որոտան) dal nome dell'omonimo fiume, è de iure un comune dell'Azerbaigian, capoluogo dell'omonimo distretto; de facto si estende nel territorio dell'Artsakh, autoproclamatosi indipendente, e ne costituisce una comunità all'interno della regione di Kashatagh.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Qubadlı · Mostra di più »

Siria

Aiuto:Stato --> La Repubblica Araba di Siria, o semplicemente Siria, è uno Stato del Vicino Oriente, vasta, con 18 906 907 abitanti.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Siria · Mostra di più »

Step'anakert

Step'anakert è una comunità urbana, capitale della Repubblica dell'Artsakh, già repubblica del Nagorno Karabakh, che conta circa abitanti, praticamente tutti di origine armena.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Step'anakert · Mostra di più »

Vigilia di Natale

La vigilia di Natale è il giorno che precede quella che è considerata una delle principali festività del cristianesimo, appunto il Natale.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Vigilia di Natale · Mostra di più »

Vorotan

Il fiume Vorotan (Որոտան in armeno) è un fiume della Transcaucasia, affluente destro dell'Hakari che a sua volta è affluente sinistro del fiume Aras e sub-affluente del Kura.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Vorotan · Mostra di più »

Zəngilan

Zəngilan o, in armeno, Kovsakan (Կովսական) è de iure un comune dell'Azerbaigian, capoluogo dell'omonimo distretto; de facto è situato nel territorio dell'Artsakh, autoproclamatosi indipendente, e ne costituisce una comunità all'interno della Regione di Kashatagh.

Nuovo!!: Regione di K'ašat'aġ e Zəngilan · Mostra di più »

Riorienta qui:

K'ašat'aġ, Kashatagh, Regione di K'asat'ag, Regione di Kasatag.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »