Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Gratuito
l'accesso più veloce di browser!
 

Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996

Scorciatoie: Differenze, Analogie, Jaccard somiglianza Coefficiente, Riferimenti.

Differenza tra Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996

Pablo Albano vs. S Tennis Masters Challenger 1996

Ottenne il suo best ranking in singolare il 6 agosto 1990 con la 192ª posizione mentre nel doppio, il 9 giugno 1997, divenne il 25° del ranking ATP. L'S Tennis Masters Challenger 1996 è stato un torneo di tennis facente parte della categoria ATP Challenger Series nell'ambito dell'ATP Challenger Series 1996.

Analogie tra Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996

Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996 hanno 3 punti in comune (in Unionpedia): Cristian Brandi, Filippo Messori, Graz.

Cristian Brandi

Raggiunse il suo best ranking in singolare il 30 gennaio 1989 con la 544ª posizione mentre nel doppio divenne il 3 aprile 2000, il 50° del ranking ATP.

Cristian Brandi e Pablo Albano · Cristian Brandi e S Tennis Masters Challenger 1996 · Mostra di più »

Filippo Messori

Come singolarista ha vinto tre titoli Futures in carriera uno su terra battuta nel 1999 e gli altri due su cemento nel 2000.

Filippo Messori e Pablo Albano · Filippo Messori e S Tennis Masters Challenger 1996 · Mostra di più »

Graz

Graz (Gradec in sloveno, Grác in ungherese) è il capoluogo del Land della Stiria in Austria.

Graz e Pablo Albano · Graz e S Tennis Masters Challenger 1996 · Mostra di più »

La lista di cui sopra risponde alle seguenti domande

Confronto tra Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996

Pablo Albano ha 147 relazioni, mentre S Tennis Masters Challenger 1996 ha 10. Come hanno in comune 3, l'indice di Jaccard è 1.91% = 3 / (147 + 10).

Riferimenti

Questo articolo mostra la relazione tra Pablo Albano e S Tennis Masters Challenger 1996. Per accedere a ogni articolo dal quale è stato estratto informazioni, visitare:

Ehi! Siamo su Facebook ora! »