Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Scaricare
l'accesso più veloce di browser!
 

William Daniel Hillis

Danny Hillis ha costruito un computer che giocava a tris fatto con i tinkertoys (gioco delle costruzioni analogo al più noto in Italia "Meccano") quando era ancora uno studente al MIT.

10 relazioni: Computer, Connection Machine, Kim Eric Drexler, Long Now Foundation, Massachusetts Institute of Technology, Newsweek, Stewart Brand, Thinking Machines, Tris (gioco), 1998.

Computer

Un computer (pronuncia italiana), in italiano anche elaboratore (vedi «aspetti linguistici»), è una macchina automatizzata in grado di eseguire complessi calcoli matematici ed eventualmente altri tipi di elaborazioni dati.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Computer · Mostra di più »

Connection Machine

Thinking Machines CM-2 esposto al Computing Museum in San Jose. Un pannello è stato parzialmente rimosso per mostrare l'elettronica interna Connection Machine è il nome di una serie di supercomputer sviluppata da Danny Hillis all'inizio degli anni ottanta al MIT in contrapposizione alla tradizionale architettura di von Neumann.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Connection Machine · Mostra di più »

Kim Eric Drexler

Ricercatore all'Institute for Molecular Manufacturing, è anche presidente del Foresight Institute.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Kim Eric Drexler · Mostra di più »

Long Now Foundation

La Long Now Foundation, che in italiano si può tradurre come Fondazione del Lungo Presente, è stata fondata nel 1996 ed è un'organizzazione privata che vuole essere il seme di un'istituzione culturale a lunghissimo termine.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Long Now Foundation · Mostra di più »

Massachusetts Institute of Technology

L'Istituto di tecnologia del Massachusetts (in inglese: Massachusetts Institute of Technology, MIT) è una delle più importanti università di ricerca del mondo con sede a Cambridge, nel Massachusetts (Stati Uniti).

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Massachusetts Institute of Technology · Mostra di più »

Newsweek

Newsweek è una rivista generalista statunitense, fondata nel 1933, pubblicata a New York e diffusa in 3 milioni di copie negli Stati Uniti e 4 milioni nel resto del mondo.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Newsweek · Mostra di più »

Stewart Brand

Lo scopo di Whole Earth Catalog era di permettere al lettore di trovare praticamente ogni informazione utile, a partire dall'idea che gli umani avrebbero quindi sviluppato una tecnologia ed una cultura nuova, positiva e sostenibile; in questo senso le sue idee anticipavano l'avvento di Internet.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Stewart Brand · Mostra di più »

Thinking Machines

La Thinking Machines Corporation è stata una società produttrice di supercomputer fondata a Waltham (Massachusetts) nel 1982 da W. Daniel Hillis e Sheryl Handler per sfruttare le ricerche sul parallelismo massivo di Hillis durante il suo dottorato al MIT.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Thinking Machines · Mostra di più »

Tris (gioco)

Il tris (noto anche come filetto, fila tre, crocetta e pallino, zero per, cerchi e croci, tria, OXO, XOXO) è un popolarissimo gioco di carta e matita astratto a informazione perfetta. Si gioca su una griglia quadrata di 3×3 caselle. A turno, i giocatori scelgono una cella vuota e vi disegnano il proprio simbolo (di solito un giocatore ha come simbolo una "X" e l'avversario un cerchio). Vince il giocatore che riesce a disporre tre dei propri simboli in linea retta orizzontale, verticale o diagonale. Se la griglia viene riempita senza che nessuno dei giocatori sia riuscito a completare una linea retta di tre simboli, il gioco finisce in parità. Nel caso in cui il gioco finisse in parità, la partita è detta "patta", come nel gioco da tavolo degli scacchi.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e Tris (gioco) · Mostra di più »

1998

Nessuna descrizione.

Nuovo!!: William Daniel Hillis e 1998 · Mostra di più »

Riorienta qui:

Daniel Hillis, Danny Hillis, W. Daniel Hillis.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »