Logo
Unionpedia
Comunicazione
Disponibile su Google Play
Nuovo! Scarica Unionpedia sul tuo dispositivo Android™!
Scaricare
l'accesso più veloce di browser!
 

Abd al-Qadir al-Gilani

Fu il fondatore della confraternita, che da lui prende il nome di Qādiriyya.

23 relazioni: Ahl al-Bayt, Al-Hasan ibn Ali, Al-Husayn ibn Ali, Ali Ibn al-Athir, Allah, Confraternite islamiche, Corano, David Samuel Margoliouth, Egira, ʿAlī ibn Abī Ṭālib, Fāṭima bint Muhammad, Iran, Islam, Jilala, Mazandaran, Mistica, Mujtahid, Musulmano, Qadi, Qadiriyya, Rabi' I, Sufismo, Tigri.

Ahl al-Bayt

Ahl al-Bayt ("Gente del Casato di Maometto") furono, fin dalla seconda metà del VII secolo, i parenti convertiti e i discendenti del profeta Maometto.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Ahl al-Bayt · Mostra di più »

Al-Hasan ibn Ali

Secondo lo sciismo, colui che sarebbe diventato il suo secondo Imām nacque nel 624-5 (secondo anno dell'Egira) a Medina, forse a metà del mese sacro di ramaḍān.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Al-Hasan ibn Ali · Mostra di più »

Al-Husayn ibn Ali

Al-Husayn ibn ʿAlī nacque, come il fratello al-Ḥasan b. ʿAlī b. Abī Ṭālib a Medina, ai primi di shaʿbān dell'anno 4 dell'Egira, equivalente al gennaio del 626.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Al-Husayn ibn Ali · Mostra di più »

Ali Ibn al-Athir

Abū l-Ḥasan ‘Alī b. Muḥammad b. Muḥammad (lett. ‘Alī, padre di al-Ḥasan, figlio di Muḥammad che a sua volta fu figlio di Muhammad) meglio noto come ʿAlī ʿIzz al-Dīn b. al-Athīr al-Jazarī.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Ali Ibn al-Athir · Mostra di più »

Allah

Allah è una parola araba che significa Dio.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Allah · Mostra di più »

Confraternite islamiche

Le confraternite islamiche (plur.) sono un tardo fenomeno del sufismo.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Confraternite islamiche · Mostra di più »

Corano

Il Corano (letteralmente: «la lettura» o «la recitazione salmodiata») è il testo sacro dell'Islam.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Corano · Mostra di più »

David Samuel Margoliouth

D.S. Margoliouth officiò per breve periodo come sacerdote anglicano.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e David Samuel Margoliouth · Mostra di più »

Egira

L'ègira (AFI:; in arabo هجرة hijra 'emigrazione') indica l'esodo di Maometto, assieme ai primi devoti musulmani, dalla natia Mecca alla volta di Yathrib.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Egira · Mostra di più »

ʿAlī ibn Abī Ṭālib

Secondo gli sciiti avrebbe dovuto essere il successore di Maometto, ma fu preceduto da tre califfi: Abū Bakr (632-634), 'Omar ibn al-Khattàb (634-644) e 'Othmàn ibn 'Affàn (644-656).

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e ʿAlī ibn Abī Ṭālib · Mostra di più »

Fāṭima bint Muhammad

Fatima fu l'unica figlia di Maometto ad assicurargli una discendenza, grazie alla nascita di al-Ḥasan ibn ʿAlī e al-Ḥusayn ibn ʿAlī avuti dal matrimonio col cugino del Profeta, ʿAlī b. Abī Ṭālib.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Fāṭima bint Muhammad · Mostra di più »

Iran

L'Iran, ufficialmente Repubblica Islamica dell'Iran e conosciuto anche come Persia, è uno Stato dell'Asia situato all'estremità orientale del Medio Oriente.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Iran · Mostra di più »

Islam

L'islam (pronunciato in italiano AFI: o) è una religione monoteista manifestatasi per la prima volta nella penisola araba, nella cittadina higiazena della Mecca, nel VII secolo dell'era cristiana ad opera di Maometto (in arabo محمد, Muḥammad), considerato dai musulmani l'ultimo profeta portatore di legge (Khātam al-Nabiyyīn), inviato da Dio (in arabo الله, Allāh) al mondo per ribadire definitivamente la Rivelazione, annunciata per la prima volta ad Adamo (آدم, Ādam), il primo uomo e il primo profeta.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Islam · Mostra di più »

Jilala

I Jīlāla, o Ṭarīqa Jīlāliyya (sono una confraternita estatica e terapeutico-musicale del Marocco, di origine sufi, da non confondere con i Jil Jilala, gruppo musicale folk marocchino. I Jīlāla sono la più antica confraternita del Marocco. Prendono il nome dal maestro sufi ʿAbd al-Qādir al-Jilānī, in Marocco chiamato Moulay Abdelkader Jilali o Boualam Jilali (Būʿalam Jilāli). I rituali dei Jīlāla vanno dal dhikr all'invocazione di santi e jinn, esattamente come i Gnawa, i Hmadsha e gli Issawa. Inizialmente gli Jīlāla rappresentavano la voce impaurita del sufismo marocchino, e nel loro antico repertorio, oltre le invocazioni di santi e jinn e i canti di lode di Allah, hanno canti di lamentela dell'esilio e della morte, e per questo motivo il loro stile musicale è, in genere, malinconico. Vengono chiamati, dietro compenso monetario, per liberare persone possedute da qualche spirito malvagio e per guarire i malati (in particolare malattie quali l'isteria e la depressione) tramite l'invocazione di santi e spiriti, oppure vengono utilizzati semplicemente per scopi benauguranti o per entrare in grazia degli spiriti e dei santi. In un rituale Jīlāla viene eseguita la ḥaḍra (anche se in Marocco i rituali delle confraternite sufi terapeutico-musicali prendono più il nome di lila). La terapia o l'esorcismo devono essere ripetuti ogni anno, nello stesso periodo. Si pensa che se la terapia non viene rinnovata, l’ammalato o il posseduto ripresenterà gli stessi sintomi all'avvicinarsi della data corrispondente alla prima crisi. Nel tempo che intercorre tra due lila, comunque, i sintomi svaniscono, o, almeno, vengono tenuti sotto controllo. I partecipanti ai rituali, soprattutto donne, cadendo in uno stato di trance (ḥāl), danzano sfrenatamente (jadba o jedba) al ritmo dei flauti e dei bendir. I caduti in trance possono presentare comportamenti diversi, quali risate, urla, pianti. I Jīlāla sono diffusi in tutto il Marocco (escludendo il Sahara Occidentale), in particolar modo nel nord e nella regione di Casablanca. Ci sono similitudini tra i rituali dei Jīlāla e degli altri gruppi terapeutico-musicali marocchini con il fenomeno del tarantismo italiano, ad esempio la danza liberatoria, il fatto che la terapia debba essere rinnovata ogni anno, il fatto che i guaritori sono musicisti, e che si dà un valore terapeutico ai colori, alla musica e alla danza. I Jīlāla operano in piccoli gruppi, in genere meno di cinque persone. Gli strumenti che utilizzano sono il flauto (quello principalmente utilizzato è la gasba di canna di bambù) e il bendir, quelli che utilizzano il bendir in genere sono anche quelli che fanno le invocazioni e i canti. Quando si tratta dei canti in onore di una tipologia di spiriti, detti buwwāb (spiriti tradizionalmente associati ai Gnawa), alcuni Jīlāla utilizzano anche le tipiche grandi nacchere di ferro dei Gnawa dette qraqeb.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Jilala · Mostra di più »

Mazandaran

La provincia di Māzandarān è una delle trentuno province dell'Iran.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Mazandaran · Mostra di più »

Mistica

La mistica, e i relativi termini misticismo e misticità, intendono indicare quella contemplazione della dimensione del sacro, o della divinità, implicandone una sua esperienza diretta, "al di là" del pensiero logico-discorsivo.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Mistica · Mostra di più »

Mujtahid

Il mujtahid è un'autorità religiosa e legislativa islamica che sa e può esprimere interpretazioni originali della legge islamica canonica, invece di applicare sentenze precedenti già stabilite.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Mujtahid · Mostra di più »

Musulmano

Il termine musulmano (o mussulmano) indica ciò che è attinente all'Islam.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Musulmano · Mostra di più »

Qadi

Il qāḍī (o cadì in lingua turca) era un magistrato musulmano di nomina politica cui si demandava in epoca classica l'amministrazione della giustizia ordinaria.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Qadi · Mostra di più »

Qadiriyya

La Qādiriyya è la più antica e tuttora maggiormente diffusa confraternita mistica del mondo islamico.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Qadiriyya · Mostra di più »

Rabi' I

Rabi' al-awwal, letteralmente "prima primavera", è il terzo mese del calendario islamico.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Rabi' I · Mostra di più »

Sufismo

Il sufismo o tasāwwuf è la dimensione mistica dell'Islam; son detti sufi quanti praticano tale forma di ricerca.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Sufismo · Mostra di più »

Tigri

Il Tigri (dall'antico persiano Tigrā-, poi divenuto Tigr, conservato nel curdo Tîj / Tûj / Tîr, mentre in sumerico era Idigna e in accadico Idiglat, da cui derivano l'aramaico ܕܝܓܠܐܬ; Deqlath - o anche Didschla -, il siriacoܕܹܩܠܵܬ; Deqlath, l'arabo دجلة; Dijla, il turco Dicle, l'ebraico חדקל; ḥiddeqel) è un importante fiume dell'Asia occidentale lungo 1.900 km.

Nuovo!!: Abd al-Qadir al-Gilani e Tigri · Mostra di più »

Riorienta qui:

'Abd al-Qadir al-Gilani, Abd al-Qadir al-Jilani, ʿAbd al-Qādir al-Jīlānī, ‛Abd al-Qa´dir al-Gila´ni.

UscenteArrivo
Ehi! Siamo su Facebook ora! »